Yoga

Daniela Premi

maestra di yoga – formatasi in Ashtanga Yoga alla Foundation of Pathanjala Yoga Kendra – Bangalore

Il termine yoga deriva dal sanscrito jug che significa gioco, legame ed esprime l’unione tra entità di natura opposta: corpo e mente, realtà fisica e spirituale, maschile e femminile, mobilità e immobilità. È il costante controllo della mente (ascolto, attenzione, concentrazione, meditazione) e del corpo (posture, movimento, coordinazione) esercitato tramite posizioni,asana, e tecniche di respirazione, pranayama, attraverso le quali è possibile raggiungere l’integrazione dell’individuo, la sua evoluzione e maturazione in armonia e unione con gli altri e il tutto. Lo yoga aiuta a sviluppare forza, agilità, equilibrio ed elasticità; la sua azione raggiunge anche gli organi interni e il sistema endocrino. Attraverso la respirazione insegna a rilassarsi aumentando la concentrazione e riducendo lo stress. Riequilibra le funzionalità ormonali, dona tranquillità, armonia e amplia la visiona della realtà aiutando a ridimensionare i problemi quotidiani.

Nei bambini lo yoga facilita la calma, rafforza la memoria, favorisce l’introspezione, la consapevolezza e la riflessione. È un momento di relax, di distensione fisica e mentale ma anche un modo diverso di fare ginnastica senza agonismi, per percepire e sviluppare le proprie potenzialità e la forza muscolare in modo progressivo ed armonico. Insegna il modo di respirare con conseguente beneficio fisico e mentale (rafforzamento delle difese immunitarie, miglioramento del ritmo circolatorio, mente più distesa e calma). Il lavoro di gruppo insegna a integrare il proprio contributo, prendersi cura degli altri, sviluppare autocontrollo e autostima. Dal punto di vista creativo lo yoga potenzia tutte le qualità interiori latenti ed è consigliato nella pratica di laboratori teatrali e musicali.

Incontri a cadenza settimanale.