Introduzione alla Medicina dell’informazione

Introduzione alla Medicina dell’informazione

Dalla medicina tradizionale cinese all’omeopatia, dalla biofisica alle catene causali del Dott. H. Schimmel: la medicina dell’informazione unisce sincreticamente diverse metodologie con l’obiettivo principale di comprendere il funzionamento del sistema “corpo” nella sua totalità e curare con efficacia il paziente, laddove il corpo “biologico” è espressione concreta del corpo “informatico” o “informazionale”, ossia manifesta quanto avviene sulla grande rete attraverso cui le informazioni si muovono da un organo all’altro.

La Medicina dell’informazione trova il suo fondamento nella Catena Causale, una struttura patologica che in presenza di disturbo presso uno specifico organo fa sì che tale disturbo si sviluppi su diversi organi ad esso collegati, che “vanno in soccorso” al primo. Attraverso la Catena Causale è possibile trovare l’origine della malattia e, curando il corpo “informatico”, guarire quello biologico, ove la malattia risulta quasi essere il modo migliore che il corpo ha per comunicare e compensare squilibri nello scambio di informazioni.

Il sistema opera attraverso fasci fotonici (informazioni) che partono dall’organo interessato e avvisano gli altri organi di ciò che devono fare per limitare al massimo il danno. Il fascio fotonico è un’espressione matematica che permette di ricondurre tutti i passaggi di informazione a linguaggi matematici misurabili. Questa misurazione ha luogo attraverso apparecchiature elettromedicali di classe A (regolarmente riconosciute dal Ministero della Salute) e permette di ricostruire la genesi e l’evoluzione della patologia e di innescare il processo di guarigione.

Una volta effettuata la Diagnosi del danno informatico lo stesso principio permette di trovare la “cura” migliore: dal farmaco tradizionale al rimedio omeopatico passando da trattamenti posturali o interventi geo-patologici: ogni elemento può cagionare un danno “informatico” e come tale può essere trattato e rimosso.

Per ulteriori approfondimenti:

  • Estratto dell’intervista al Dr. Baldari
  • SCIENZA E CONOSCENZA – Editing snc – rivista trimestrale – n. 37/2011
  • TRATTATO DI MEDICINA DELL’INFORMAZIONE vol I e II, Nuova Ipsa Editore, 2008
  • J. Zoll – H. Schimmel -” Il ponte tra l’agopuntura e la moderna medicina bioenergetica” – NAMED