Sabbia, secchiello e paletta: inseparabili amici!

Sabbia, secchiello e paletta: inseparabili amici!

Si respira aria di estate, e molti di voi sceglieranno il mare come meta estiva perciò… Cosa fare con i bambini sotto l’ombrellone?
Cari genitori, zii o nonni non preoccupatevi, per quanto la sabbia possa essere leggermente fastidiosa, è una super alleata! E se mancate di fantasia, ci pensano i  nostri specialisti del team logopedia, con qualche idea per voi!

Il gioco è conoscenza

Secondo Maria Montessori la conoscenza, per il bambino, nasce innanzitutto attraverso il “fare”: la mano è l’organo dell’intelligenza, fa da tramite tra l’io e il mondo. I bambini giocano e nel giocare danno forma, tramite l’immaginazione, alle loro emozioni portandole all’esterno.

Durante l’infanzia, per misurarsi con l’emozione, i bambini hanno bisogno degli oggetti (giocattoli) e delle azioni (giochi), poiché la capacità di affrontare ciò che li coinvolge richiede l’attività e il contatto percettivo proprio dell’esperienza corporea.

L’importanza dei giochi da spiaggia

Nello specifico, giocare con la sabbia è un modo per il bambino di sperimentare immaginazione, emozioni ed esperienze sensoriali; ma allo stesso tempo è un ottimo metodo per incentivare lo sviluppo delle abilità fisiche, cognitive e sociali.

Scavare, versare, raccogliere con la paletta, caricare i secchielli pieni di acqua, usare il rastrello… Sono tutte attività stimolano lo sviluppo fisico dei bambini, mettendo in moto muscolatura e coordinazione. Allo stesso tempo, attraverso l’utilizzo di formine, stampini e biglie vengono stimolate la coordinazione occhio-mano e la motricità fine.

Sotto l’ombrellone si può giocare anche insieme a un amico! Il gioco condiviso permette ai bambini di confrontarsi con problemi reali legati alla società: condivisioni di risorse, risoluzione problemi, scambio di input, divisione ruoli, ecc ecc. Si tratta di situazione che garantiscono lo sviluppo e il rafforzamento delle competenze sociali.

Altri benefici del giocare con la sabbia…

Con un po’ di fantasia, secchiello e paletta è possibile creare giochi divertenti e utili, anche dal punti di vista cognitivo.

Ecco qualche spunto:

  • Con la sabbia si può sperimentare il concetto di pieno-vuoto, di dentro-fuori, di pesante-leggero;
  • Attraverso forme, contenitori, misurini e tazze possiamo imparare altri concetti: grande, piccolo, tanti, molti, ecc ecc;
  • Costruendo castelli di sabbia si può osservare come modulare le proprie idee rispetto alla realtà;
  • La memoria ideo-motoria e il pensiero logico vengono allenati costantemente attraverso il pensiero “oggi ho fatto questo ed è venuto così… allora domani farò quest’altro e verrà un’altra cosa!”
  • Scoprire che solo “facendo” possono venire in mente altre idee

Insomma, sotto l’ombrellone proviamo a non utilizzare smartphone o tablet, secchiello e paletta saranno i nostri migliori amici!